Casa Payer

Io e Paola, alla nascita di nostra figlia Gaia, da viaggiatori dell’Asia abbiamo deciso di fermarci per ospitare, di “mettere radici” in un bosco e scambiare con gli ospiti un’esperienza di vita vegetariana, rurale, in armonia con l’ambiente.
L’essere vegetariani ha profondamente cambiato la nostra percezione del mondo.
E’ nata così Casa Payer, b&b e nostra dimora. Una cascina di pietra ora ristrutturata con la passione per la bioedilizia, poco cemento e col cuore alle case in terra cruda indiane. Abitare nel bosco è il nostro viaggio nella vita selvatica. E’ sul sentiero di quest’antica dimora in un bosco giardino che inizia il viaggio, di appena un chilometro ma “fuori del Mondo”.
Qua ci abitavano un vecchio col suo cinghiale.
E’ un luogo per riconnettersi con la natura, con se stessi e alleggerirsi nella semplicità al ritmo delle stagioni, riprendendosi il tempo.

Per raggiungerci, con o senza auto, si percorre 1 Km della strada sterrata che dalla località Colletto s’ inoltra dolcemente nel bosco; venendo a piedi è una piacevole passeggiata.

 

In questi giorni guardando bene la conformazione dei due smottamenti che abbiamo avuto abbiamo capito e trovato l'inghippo. Quella sotto l'orto, scavando abbiamo trovato il tubo che convoglia il surplus delle acque piovane (perchè vengono raccolte) strappato dalla sua sede e così l'acqua si è fatta strada portandosi dietro un pezzo di riva. Che forza quella notte! Luca insieme all'amico Sergio stanno approntando un nuovo pozzetto e nuovo canale.
Quella vicino al parcheggio è accaduta esattamente dove mettevamo le ramaglie a seccare e anche alcuni sfalci di potature. Questa è stata ignoranza, mai mettere insieme così tanto materiale verde perchè l'acqua forma una diga e si porta via tutto. Sbagliando si impara.
... See MoreSee Less

In questi giorni guardando bene la conformazione dei due smottamenti che abbiamo avuto abbiamo capito e trovato linghippo. Quella sotto lorto, scavando abbiamo trovato il tubo che convoglia il surplus delle acque piovane (perchè vengono raccolte) strappato dalla sua sede e così lacqua si è  fatta strada portandosi dietro un pezzo di riva. Che forza quella notte! Luca insieme allamico Sergio stanno approntando un nuovo pozzetto e nuovo canale.
Quella vicino al parcheggio è accaduta esattamente dove mettevamo le ramaglie a seccare e anche alcuni sfalci di potature. Questa è stata ignoranza, mai mettere insieme così tanto materiale verde perchè lacqua forma una diga e si porta via tutto. Sbagliando si impara.